Spettacolo itinernate
VUOTO D’AMORE
nessuno mi pettina bene come il vento
omaggio ad Alda Merini
un progetto di e con Enrica Rosso
giovedì 30 giugno, venerdì 1 e sabato 2 luglio ore 20.00
Prenotazione obbligatoria

Leggi tutto l'articolo


inaugurazione mostra The Poetry of Earth di Barbara Dall'Angelo 5 maggio 2016 ore 17:30 Polo MUseale ASL Roma 1 - Borgo S.Spirito3 Roma

Leggi tutto l'articolo


la clip del Centenario del Santa Maria della Pietà

Leggi tutto l'articolo


Il Pensiero Scientifico Editore intervista il Direttore del Museo Laboratorio della Mente: guarda il video

Leggi tutto l'articolo


Un lungo articolo dedicato al Museo Laboratorio della Mente su "Mente & Cervello" di aprile 2013

Leggi tutto l'articolo


manifesto-100

Museo

Il Museo Laboratorio della Mente, inaugurato nel 2000, ripercorre la storia dell’Ospedale Santa Maria della Pietà, dalla sua fondazione in qualità di “Hospitale de’poveri forestieri et pazzi dell’Alma Città di Romaalla definitiva chiusura nel 1999, cinque secoli dopo, come ospedale psichiatrico.
Un itinerario immersivo narrativo attraverso le memorie del manicomio, per una lettura dell’alterità, delle sue forme e dei suoi linguaggi, per combattere lo stigma e promuovere la salute mentale.


L’originale percorso di visita (coadiuvato dall’Archivio storico-audivisivo e dalla Biblioteca Cencelli del Santa Maria della Pietà) è articolato come cartografia storica delle prassi istituzionali e delle pratiche anti-istituzionali, come un doppio e continuo processo dialettico di decostruzione della geografia delle costrizioni spaziali, fisiche, psicologiche, sociali e di ricostruzione della soggettività: un’esperienza soggettiva che si genera nell’attraversamento degli spazi manicomiali e nell’apparire inatteso delle storie rievocate.
Il rilievo assunto dal Museo Laboratorio della Mente nella Organizzazione Museale Regionale del Lazio (insignito del "Marchio di Qualità" dalla Regione Lazio), il Premio ICOM Italia ricevuto nel 2010 quale “Museo dell’anno per l’innovazione e l’attrattività nei rapporti con il pubblico”, il costante afflusso di visitatori, la collaborazione con istituti scolastici, universitari e di ricerca, servizi sanitari, associazioni socio-culturali, musei nazionali ed internazionali, i risultati positivi delle iniziative che hanno caratterizzato i primi dieci anni delle sue attività, la dimensione istituzionale del “prendersi cura” costituiscono i motivi fondanti per proseguire, in permanente dialogo con la comunità e il territorio, l’opera di valorizzazione del suo patrimonio artistico-documentale, delle attività di accoglienza, ricerca, formazione e il completamento del progetto allestitivo intrapreso nel 2008 con Studio Azzurro.




Video intervista al Direttore Pompeo Martelli