Cultural Dislocations and Hybridity

Jaswant Guzder

CULTURAL DISLOCATIONS AND HYBRIDITY

Politiche delle cure politiche delle culture

 

Venerdì 10 novembre 2017 ore 18.00 

Padiglione 6, Piazza Santa Maria della Pietà 

 

 Zen 2

Zen Series 2, 2017

 

10 novembre - 7 dicembre 2017

 

lunedì - sabato 9:00-17:00

 

La ASL Roma 1 organizza la mostra CULTURAL DISLOCATIONS AND HYBRIDITY ospitata negli spazi del Museo Laboratorio della Mente progettati da Studio Azzurro. Le opere della psichiatra e artista canadese Jaswant Guzder, che indagano la condizione di transitorietà vissuta dai migranti, arricchiscono l’impianto narrativo e concettuale del museo, attivando un dialogo che racconta di tempi storici e realtà sociali differenti e del continuo impegno per il contrasto alla sofferenza e alla marginalità.

La mostra sarà corredata da un programma di incontri che andranno a indagare aspetti clinici e culturali del fenomeno migratorio. Per favorire lo sviluppo di competenze e la condivisione di esperienze in questo paesaggio contrastato e affascinante, la ASL Roma 1, attraverso l’impegno progettuale del Museo Laboratorio della Mente e del Dipartimento di Salute Mentale, avvalendosi della collaborazione della Biblioteca Alessandro Liberati del Servizio Sanitario Regionale del Lazio, con il patrocinio dell’Ambasciata del Canada, è lieta di presentare l’attività di Jaswant Guzder.

 

Programma

10 novembre 2017 ore 18:00

Inaugurazione mostra

Saluti istituzionali

Presentazione dell’artista Jaswant Guzder 

 

14 novembre 2017 ore 9:30-16:30
Bal Talk di Jaswant Guzder “Cultural Consultations”

Mental Health and Migration, incontro clinico riservato a operatori sanitari

Iscrizione obbligatoria a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Intervengono: Jaswant Guzder, Giuseppe Ducci, Pompeo Martelli

 

22 novembre 2017 ore 18:00-20:00

Art & Insight

Intervengono: Dario Evola, Jaswant Guzder, Maria Paola Orlandini, Bianca Tosatti

 

7 dicembre ore 10:00-13:00

The Fluidity and Location of Culture in our times

Intervengono: Rosa Anna Di Lella, Jaswant Guzder, Gianni Pizza

Credits

Enti Promotori
Assessorato alla cultura, spettacolo e sport - Area Servizi Culturali Regione Lazio
Azienda Sanitaria Locale Roma E

Ideazione e Progettazione
UOS Centro Studi e Ricerche Museo della Mente ASL ROMA E
Studio Azzurro Produzioni

Direzione scientifica: Pompeo Martelli
Regia: Paolo Rosa
Luci e Fotografia: Fabio Cirifino
Aiuto alla Regia: Carlo Riccobono
Allestimento percorso espositivo: Diego Quagliarella
Collaboratori Allestimento: Umberto Iannelli, Vito Albanese, Claudio D'Isanto

Sistemi Interattivi: Stefano Roveda, Marco Barsottini, Lorenzo Sarti, Alessandro Pecoraro
Interfaccie Hardware e Software: Alberto Massagli Bernocchi
Elaborazioni Sonore e Musiche: Tommaso Leddi, Yugen
Editing e Postproduzione: Silvia Pellizzari, Mauro Macella, Claudia Casati
Elaborazioni Grafiche: Giulia Guarnieri, Francesca Gollo, Francesca Cianniello
Voci: Alioscia Viccaro, Elisa Boscherini, Fabio Renzetti, Mauro Macella
Testi e Voce di Lia Traverso: Carlotta Piraino

Coordinamento progetto: Reiner Bumke
Coordinamento ricerche documentarie: Claudia Demichelis
Produzione esecutiva: Olivia Demuro
Relazioni pubbliche: Delphine Tonglet

Progettazione Camera di Ames: Fabio Mattei
Realizzazione Camera di Ames: Mekane srl
Realizzazione incisioni laser: Ettore Colico (Sei spa, sponsor tecnico)
Impianti elettrici e sicurezza: Nuova Ciset srl, A2A
Interventi di manutenzione: Area Tecnica ASL Roma E Arch. Claudio Cascarino
Progetto Architettonico e Sicurezza: Arch. Elisabetta d'Amato

Collaborazioni: Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico,
Archivio Storico Istituto Luce, Teche Rai, Nando Agostinelli, Paolo Algranati,
Stefania Baffetti, Anna Berni, Vincenzo Boatta, Simonetta Ceccoli, Ascanio Celestini, Franca Cianfrocca, Maurizio Clarotti, Gilberto Corbellini, Yvonne Couvert, Giuseppe Dell'Acqua,
Vanda Di Nella, Claudio Ernè, Nicola Fanizzi, Elsa Ferri, Rachele Ferri, Raoul Garzia, Rossana Gentili, Maria Grazia Giannichedda, Antonino Iaria,
Fernando Liggio,Tommaso Losavio, Massimo Marà, Maria Morena, Alberto Oliverio,
Ram Pace, Alberto Paolini, Adriano Pallotta, Ugo Panella, Maria Eugenia Pesce,
Sergio Piro, Paolo Pisanelli, Tommaso Poliseno, Tatiana Proietti, Susanna Simmi,
Franca Sitta, Giancarlo Tissi, Novella Tomsich, Bianca Tosatti, PaoloVerdini,
Giancarla Vittori, Stefano Zugaro.

Video percorso museale

Termini e condizioni

Termini e condizioni di uso

Musei della psichiatria in Europa

Negli ultimi decenni, anche sotto la spinta della riforma dell'assistenza psichiatrica realizzata in Italia con l'approvazione della Legge n.180 del 1978, i temi della salute mentale sono diventati prioritari nell'ambito delle strategie della salute pubblica dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e dei Paesi dell'Unione Europea, schematicamente riassumibili in sei punti:

• aumentare la sensibilità dello Stato nei confronti dei problemi di salute mentale che troppo spesso sono ignorati o sottovalutati (anche dal punto di vista del finanziamento ai servizi sanitari);
• porre la questione dei diritti umani e di cittadinanza al centro della agenda di sviluppo e di sanità pubblica dei governi;
• migliorare le legislazioni esistenti;
• generare politiche di salute mentale e sviluppo di servizi con forte orientamento comunitario;
• disseminare conoscenze tecniche adeguate non solo tra gli specialisti (spesso inesistenti nei paesi poveri) ma fra tutti i professionisti della salute;
• dare voce alle istanze degli utenti e dei loro familiari.

La lotta contro lo stigma che circonda la malattia mentale è il target principale di un'azione di promozione della salute mentale che passa principalmente attraverso l'informazione. In questa prospettiva operano in Europa diversi musei che documentano la storia della psichiatria e più in generale le tematiche della salute mentale. Questi percorsi espositivi favoriscono una straordinaria occasione di comunicazione, lo sviluppo di alleanze nei programmi di promozione e prevenzione della salute mentale, e possono giocare un ruolo chiave aiutando le diverse istituzioni a non perdere di vista le istanze reali della società, incoraggiando l'identificazione di nuovi problemi e soprattutto nuove risposte.

Il Museo Laboratorio della Mente partecipa alla costruzione di un network europeo di Musei che favoriscono, attraverso le loro attività, la salute mentale creando un quadro per gli scambi e la cooperazione tra Stati membri dell'Unione Europea, contribuendo a rafforzare la coerenza degli interventi nei diversi settori politici, istituendo una piattaforma per coinvolgere le parti interessate, comprese le associazioni di pazienti/familiari di pazienti e della società civile nella ricerca di soluzioni.

Il 9 e 10 Novembre 2007 a Göppingen, in Germania, presso il MuSeele - Klinik Christophsbad, si è tenuta la I Conferenza Internazionale dei Musei della Psichiatria in Europa.
La II Conferenza Internazionale si è svolta a Praga, nella Repubblica Ceca, dal 29 al 31 Ottobre 2009, presso l'Ospedale Psichiatrico di Bohnice.
La III Conferenza Internazionale sul tema Dangerously young: Child and Adolescent Psychiatry from a Historical Perspective si è svolta  dal 28 al29 Aprile 2011 presso il Museum Dr. Guislain , Ghent, Belgio.

Qui di seguito riportiamo gli indirizzi di alcuni Musei della Psichiatria in Europa presenti nella guida Verortungen der Seele / Locating the Soul a cura di Rolf Bruggermann e Gisela Schimd-Krebs. Nella guida si trovano anche schede descrittive di Musei e Collezioni di Outsider Art e percorsi espositivi che ricordano l'Aktion T4, lo sterminio dei disabili messo in atto in Germania dal 1939 al 1941. Una copia della Mostra In memoriam, curata da Michael Von Cranak, realizzata in lingua italiana/inglese dall'Agenzia per la Vita Indipendente Onlus è permanentemente esposta al pubblico presso la Sede del Centro Studi e Ricerche al I piano del Padiglione 26. Ingresso gratuito in orario di apertura dell'ufficio.

Austria
Vienna, Sigmund Freud Museum

Belgio
Gent, Museum Dr. Guislain

Danimarca
Middelfart, Den Psykiatrisk Samling

Francia
Parigi, Musèe Sainte-Anne

Germania
Göppingen, MuSeele

Gran Bretagna
Londra, Freud Museum

Italia
Roma , Museo Laboratorio della Mente
Reggio Emilia, Museo della psichiatra San Lazzaro
Venezia, Museo del Manicomio di San Servolo

Olanda
Haarlem, Het Dolhuys www.hetdolhuys.nl

 

 

Termini e condizioni di uso


La presente dichiarazione contiene le informazioni sui termini per l’uso del presente sito web.

Requisiti:

Il sito web è ottimizzato per i seguenti sistemi:

Windows

browser: Internet Explorer 6.0 e sup.; risoluzione consigliata: 1024x768.



Macintosh

browser: Safari 1.1 e sup.; risoluzione consigliata: 1024x768.

 



Alcune sezioni del sito potrebbero inoltre richiedere i seguenti applicativi:

Macromedia Flash Player (se non si dispone del plugin è possibile scaricarlo gratuitamente cliccando qui).

Acrobat Reader (se non si dispone del software è possibile scaricarlo gratuitamente cliccando qui).

QuickTime (se non si dispone del plugin è possibile scaricarlo gratuitamente cliccando qui).



Proprietà dei dati


È assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del materiale pubblicato. I loghi, la grafica, i suoni, le immagini e i testi di questo sito non possono essere copiati o ritrasmessi salvo espressa autorizzazione. L'utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente proibito dalla legge e comporta responsabilità sia civili sia penali.


Privacy


Informativa ai sensi dell'ART. 13 del D. LGS n°196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), i dati personali saranno trattati solo dall’Azienda o dai nostri partner per l'invio di materiale informativo/commerciale sui prodotti e i servizi offerti e non saranno in nessun caso comunicati o diffusi a terzi. Gli interessati potranno richiedere in ogni momento la cancellazione dei propri dati inviandoci un fax.


Come aggiornare le vostre informazioni e preferenze personali


Potete avvisarci di eventuali cambi di nome, recapito postale, titolo, numero di telefono, indirizzo di posta elettronica o preferenze in merito. Se decidete di aggiornare le vostre informazioni o preferenze, o se preferite non ricevere più comunicati da noi o dai nostri partner, non esitate a comunicarcelo. Inviate gli aggiornamenti desiderati via fax.


Link


In merito agli eventuali link ad altri siti presenti nelle nostre pagine, l’Azienda non si assume alcuna responsabilità per il contenuto o le direttive sulla riservatezza ed i principi di tali siti web. Vi invitiamo pertanto a leggere le dichiarazioni sulla riservatezza di questi siti, in quanto potrebbero differire dalle nostre.